·    A casë dë sunatorë vuò purtè seranadë.  “A casa di suonatori non puoi portare serenate”
Non puoi andare a raccontare chiacchiere a casa di chi conosce bene le situazioni.ù
·    E’ asciudë u lupo da u boschë e volë caccià u canë da mandria.“ E’ uscito il lupo dal bosco e vuole cacciare il cane dalla mandria”
Arriva uno sconosciuto improvvisato e vuole sostituirti in situazioni che conosci bene.
·    U male e u benë da fatiha venë.“ Il male ed il bene dal lavoro viene”
La propria condizione è generata dal lavoro.
·    Aria rossë tempë mbussë.“Aria rossa tempo bagnato”
·    Terra fatta a priedë nun të fa miedë.“Terreno pieno di pietre non produce il grano”
·    A chi donë primë da mortë, piglia a mazzë e dalë fortë.  “ A chi dona prima della morte, prendi un bastone e picchia forte”
Donare la proprietà prima della morte spesso ti porta ad amare considerazioni.
·    Chi pensa pa carnë dë latë, a sovë sa magnenë i canë.“ Chi sta attento alla carne degli altri, la sua la divorano i cani”
Bisogna anche attendere alle proprie esigenze.
·    Scapëlë sti buoi e mbrestemë  l’ aradë.“Ferma i tuoi buoi dall’ arare e prestami l’aratro”
Lascia i tuoi inpegni e fammi fare i miei comodi.
·    Lascemmë de miedë e gemm a gërmëntà.“Lasciamo di mietere ed andiamo a spigolare”
Lascia di fare le cose importanti e dedicati a cose meno importanti.
·    L’ anema a die e a robbë a chi tocca.“ L’ anima a Dio e la roba a chi spetta”
Ad ognuno il suo.
·    Anguor s’ adda accasà marieddë e già preparë i fasciatorë.  “Ancora si deve sposare Maria e già prepara le fasce”.
Fasciarsi la testa pr5ima ancora che la cosa   accadda.
·    Pu catarrë vinë cu carrë.« Per curare il raffreddore vino con il carro »
Una buona bevuta aiuta a curare il raffreddore.
·    Chiacchiërë dë fornë brusciadë dë pà.“ Quando nel forno si bada a chiacchierare il pane si brucia”
·    Cunsiglië dë volpë dammaggë a ai addinë.“ Consiglio di volpi,danni alle galline”
Quandi si riuniscono i furba vuol dire che preparano qualcosa.
·    A vignë a vardë  a paurë.“La vigna guarda la paura.”
Se uno teme la ritorsione non commette nessuna azione.
·    Fa cumë tè fattë ca nun faife peccadë.“Fai come ti è stato fatto e non farai perccato.”
Se ripaghi con la stessa moneta non commetti peccato.
·    U ciuccë portë a paglië e u ciuccë sa frechë.“L'asino trasporta la paglia e l'asino la mangia.”
Fare solo per se stesso.
·    I soldë de natë se mesurenë cu menzettë.“I soldi degli altri si misurano con il mezzetto.”
Si esagera sempre nel considerare la quantità dei soldi degli altri.
·    U suverchië rombë a pignatë cu tuttë u cuverchië.“Il soverchio rompe la pignatta ed anche il coperchio.”
Quando c'è troppa roba, troppa disponibilità, non è sempre positivo.
·    A bona miglierë fa un bon maridë.“La buona moglie fa il bravo marito.”
Una buona moglie riesce a correggere il marito.
·    Quannë u maridë è poverieddë manchë a miglierë u po' vedè.“Quando il marito è povero neanche la moglie lo può vedere.”
Nessuno considera chi non può tornarti utile.
·    Chiacchierë volë la zita e po s' addormë.“La sposa non si addormenta con le chiacchiere.”
E' inutile fare un largo giro di parole quando chi ti sta di fronte sa già dove vuoi andare a parare.
·    Rëtogn  rëtogn dëvend quandë n'ognë.“Taglia e ritaglia (che è troppo lungo) ed è diventato troppo corto.”
·    Nurinë quannë chiuovë portë l'acqua e addinë.“Norina porta l'acqua alle galline quando piove.”
Evidentemente si tratta di galline libere nel cortile che dopo la pioggia trovano finalmente anche da sole dove dissetarsi.
·    Figlia femmenë e mala nuttada.“Dopo una cattiva nottata è nata anche femmina.”
Quando le disgrazie non vengono mai da sole. Quando tutto è andato strorto..ed una figlia femmina negli anni passati non era una fortuna da augurarsi.
·    L' uocchië quandë u campanarë e nu vedë a chiesa adduë.“Hai gli occhi grandi quanto il campanile e non riesci a scorgere la chiesa che ti sta accanto.”
Non vedi quello che hai sotto il naso.
·    I sciabolë stannë appesë e i foderë fannë a guerrë. “Le sciabole rimangono appese al muro, mentre i foderi vengono usati per combattere.” Non vengono sfruttate le migliori opportunità.
·          Nu campë u drittë si nun ghë u fessë.“ Non vive il dritto se non c’è un fesso”
·          Uomë fattë a vinë nu valë nu carlinë.“ L’uomo fatto a vino (ubriaco) non vale un soldo”
·          I chiacchiërë so cumë i cirasë.“ Le chiacchiere sono come le ciliegie”
·          Amma essë amicë ma indë u semenatë nunn’hai passà.“Dobbiamo essere amici ma non devi passare nel mio seminato.
·          Stu tacchë valë pë quedda sulaturë.Questo tacco vale per quella suolatura”
·          Chi volë vendettë nunnaddë gi dë frettë.“ Chi vuole vendetta non deve avere fretta”
·          Chi të polverë sparë.“ Chi ha polvere spari”
·          Chi chiangë fa a robbë.“Chi si lamenta ha fatto un buon raccolto”
·          A addina fa l’ uovo e o uaddë nghë bruscë u culë.“La gallina fa l’ uovo ed al gallo gli prude il sedere”
·          Contë a curtë amicizië a lunghë.“Se si fanno i conti a breve l’ amicizia dura a lungo”
·          Poverë a quedda pietë ca nun fa mai dippë.“Povera quella pietra che non fa mai il muschio (non sta mai ferma)”
·          Chi ridë senza chè, o è fessë o l’ ha co me.Chi ride senza perché, o è scemo o ce l’ha con me”
·          Uomë avvisadë mezzë salvadë.“L’uomo avvisato è mezzo salvato”
·          Figlië dë atta angappa sorëscë.“ Figlio di gatta acchiappa i topi”
 I figli assomigliano ai genitori.
·          U ladrë volë frecà u mariuolë.“Il ladro vuole rubare il mariuolo”
·          Si u uaddë nu responnë a prima voscë volë di ca u cantà pochë nghë piascë.“ Se il gallo non risponde alla prima voce, vuol dire che il cantare poco gli piace”
·          Si u ciuccë nu volë bevë hai voglië a fischià.“Se l’ asino non vuole bere è inutile fischiargli”
·          A zappë dë l'atië  spacchë  i pietrë.“Con la zappa degli altri si possono spaccare anche le pietre.” Non c'è rispetto per la roba altrui.
·          U malë  e u benë  da u lavorë  venë .“La cattiva o la buona condizione è determinata dal lavoro.”
·          Amicë e cumbarë bisogna parlà chiarë .“Tra amici e compari bisogna parlarsi chiaro.”
·          Nun t'accattà casë  viscinë  e signorë  e né terrë  viscinë  a hiumarë .“Non comprare case che confinano con i signori e nemmeno terre che si trovano vicino i fiumi.”
Tutte e due le circostanze sono da temere: il fiume ti porta via il raccolto con un'alluvione ed il signore ti porta via la casa se lo desidera.
·          Va cu i përsò mieglië dë  ti e fanghë  i spesë .“Vai con chi è meglio di te e pagagli anche le spese.”
Dalle persone migliori di te hai sempre da imparare e ti conviene rimanergli vicino anche se devi pagargli le spese.
·          Dimmi co chi vai e te saccë  a di chi fai, dimmë  a chi si figlië e të  saccë  a dì a chi assumiglië.“Dimmi con chi vai e ti dico cosa fai dimmi di chi sei figlio e ti dirò a quale membro della famiglia assomigli.”
·          Nisiunë të  discë  lavatë a faccë  ca parë  mieglië  dë  mi.“Nessuno ti dice lavati la faccia che sembri più bella di me.
·          Nu prumettë vòtë a santë e cosë e criaturë.“Non promettere voti a santi e nemmeno regali ai bambini.
·          I ciuccë s'asciarrenë  e i barrottë  vannë  pë  sottë.“Gli asini litigano e i barili hanno la peggio.”
·          Primë  u dentë  e po' i parentë.Prima a se stesso (il dente) e dopo ai parenti.
·          Iescë  da  quattë  dentë  e u sannë  quattëcentë .“La notizia esce da quattro denti e già lo sanno in quattrocento.”
·          A mieglia parola è queddë  ca nu iescë.“La migliore parola è quella che non si pronuncia.”
·          Cu u tempë  e cu a paglia maturënë  i nespëlë.“Con il tempo e con la paglia maturano le nespole.”
·          I cosë  ca nun së  fannë  nun  së   sënnë.“Le cose che non si fanno non si sanno.”
·          Fattë  a numenatë  e vennë  u vinë  acitë .“Si è fatto un buon nome e vende il vino aceto.”
·          Respettë  u canë  pu padrò.“Rispetta il cane per il padrone.”
·   Chi dormëchiù dë sei ore o è ciuccë o è pastorë.“Chi dorme più di sei ore o è asino o è pastore”
·   Chi  semënë spinë nunnadda gi  scavëzëChi semina spine non deve girare a piedi nudi”
Chi semina zizzania e cattiveria ne rimarrà coinvolto.
·   Lattë cuvertë nu cachenë moschëù.“Nel latte coperto non sporcano le mosche”
Non confidare a nessuno i tuoi progetti e nessuno ti potrà intenzionalmente danneggiare.
·   Uocchië ca nu vedë cuorë ca nu dësidërë.“Se l’occhio non vede il cuore non desidera”
·   Cu nu no të spiccë e cu nu si të mpiccë.“Rispondendo no ti liberi con il si ti impicci”
Se dai la tua disponibilità rimarrai impegolato in tanti impicci, se rispondi no alle richieste ti liberi subito.
·   Chi va cu zoppë së mbarë a zuppëa.“Chi va con lo zoppo impara a zoppicare”
·   Liettë strettë colëcatë ammezzë.“ Letto stretto coricati in mezzo”
Accontentati e trova una degna sistemazione anche nelle situazioni difficili.
·   Mortë e zitë tre giornë anna parlà.“ Del morto e della sposa si parla per tre giorni”
Di ogni occasione tutti avranno da dire, per fortuna solo per pochi giorni.
·   A lavà a test o ciucc seperd u sapò.“ A lavare la testa all’asino si perde il sapone”
E’ inutile insistere in delicatezze verso qualcuno che non le apprezza.
·   Si vuò canoscë u fessë ngaia da l’ incarichi.“Se vuoi riconoscere l’ incapace devi dargli l’ incarico”
·   Chi commercia campë e chi fatia muorë.“Chi pratica il commercio vive, chi lavora muore”
·   Chi va e nun va benë tre votë va e tre votë venë.“ Chi va a sbrigare una commissione e non la svolge bene  tre volte va e tre volte viene”
Conviene fare le cose perbene.
·   Chi servë i signorë indë u pagliarë muorë.Chi sta al servizio dei signori muore in un pagliaio”
Non si arricchisce chi lavora per conto dei signori e da essi non ottiene nessuna riconoscenza.
·   Mastrë a uocchië, mastrë a capocchië.“Maestro ad occhio è maestro incapace”
Il maestro che non è preciso nelle sue cose ma giudica ed opera solo ad occhio non sarà mai un buon maestro.
·   A fatìa da festë sa magnë  la tempestë.“Il lavoro della festa lo mangia la tempesta.”
La festa deve essere dedicata al culto religioso.
·   Terra nghianë accidë  i cristianë .“Nel terreno in pianura il contadino muore di stenti.”
·   Arriva san Giuann attacchë u piccëlë vëscinë  u rannë.“Quando arriva San Giovanni (24 giugno) lega il piccola vicino al grande.” L'indicazione è legata al lavoro nel vigneto e si suggerisce di legare il saramento giovane vicino a quello più forte in modo da proteggerlo dal vento.
·   A santa Catarina piglië  u sacchë e vai o mulinë.“A Santa Caterina (25 novembre) prendi il sacco e vai al mulino.”
A novembre non ci sono molti lavori da fare in campagna per cui puoi andare al mulino a macinare il raccolto.
·   Chi zappa bevë  acqua e chi podë  bevë  vinë.“Chi zappa beve acqua e chi pota beve vino.”
Chi fa il lavoro più pesante è poco apprezzato e chi invece fa un intervento professionale prende tutto il merito.
·   Si vuò magnà u porcë  cu gustë  cumë  lu fai l'arrostë .“Se vuoi mangiare il maiale con gusto appena lo ammazzi lo arrosti.”
·   Hiume cittë  nunghë  passà ca t'anne.“Fiume silenzioso non passare che anneghi.”
Bisogna temere quei luoghi e quelle persone che non si manifestano, potrebbero avere una reazione improvvisa.
·   Chi nascë chiattë nu po' murì tonnë .“Chi nasce piatto non può morire tondo.”
Chi nasce con un carattere non potrà mai modificarlo fino in fondo.
  • I ciuccë s'asciarrenë e i barrottë  vannë  pë  sottë.“Gli asini litigano e i barili hanno la peggio.”
  • Primë u dentë  e po' i parentë.Prima a se stesso (il dente) e dopo ai parenti.
  • Iescë da  quattë  dentë  e u sannë  quattëcentë .“La notizia esce da quattro denti e già lo sanno in quattrocento.”
  • A mieglia parola è queddë ca nu iescë.“La migliore parola è quella che non si pronuncia.”
  • Cu u tempë e cu a paglia maturënë  i nespëlë.“Con il tempo e con la paglia maturano le nespole.”
  • I cosë ca nun së  fannë  nun  së   sënnë.“Le cose che non si fanno non si sanno.”
  • Fattë a numenatë  e vennë  u vinë  acitë .“Si è fatto un buon nome e vende il vino aceto.”
  • Respettë u canë  pu padrò.“Rispetta il cane per il padrone.”
  • A botta chiena e a migliera mbriachë.“La botte piena e la moglie ubriaca.”
Quando si vuole tutto.
  • Na botta o cerchië e na botta o tumbagnë.“Un colpo al cerchio ed uno al fondo.”
Bisogna essere misurati e dalle ampie vedute.
  • Chi mbresta perdë a testa.“Chi presta qualcosa perde la testa.”
E' difficile riavere quello che si è concesso in prestito.
  • Chi sparagnë fa malë  uadagnë .“Chi risparmia fa un cattivo guadagno.”
E' sbagliato cercare il risparmio su ogni cosa. A volte pagare di più significa acquistare un prodotto qualitativamente più valido.
  • Si era bonë u mbrestë se mbrestavenë  i miglierë .“Se il prestito fosse stata una buona pratica si sarebbero prestate le mogli.”
  • A credenzë se paa na vota e menz.“Comprare a credito significa pagare una volta e mezza.”
Chi compra a credito non può discutere il prezzo e paga gli interessi.
  • Accuoglië i stizzë e perdë  i forrë .“Raccogli le gocce e perdi i rivoli.”
  • Sparagnë e cumbariscë .“Risparmia e fai bella figura.”
Ove possibile risparmia e fai comunque bella figura.
  • Perdë i buoi va truennë i cornë .“Ha perso i buoi ed ora va cercando le corna.”
Ha perso le cose importanti e va alla ricerca delle cose insignificanti.
  • I soldë s' azzecanë  a manë .“I soldi s'attaccano alle mani.”
Ad ogni passaggio di mani il gruzzolo diminuisce.
  • I cornë di cafò so dë noscë  e queddë  di signorë so dë  bammascë.“Le corna dei cafoni sono di noce e quelle dei signori sono di bambagia.”
I difetti ed i peccati dei cafoni fanno rumore e vanno perseguiti, quelli dei signori benché gravi passano sotto silenzio.
  • Maridë e figlië cumë  Dië  mannë  acchiscì ti pigli.“Mariti e figli come te li manda Dio così te li pigli.”
Il trovare un buon marito e partorire buoni figli è nelle mani di Dio.
  • Genërë e nëvodë queddë ca fai è tuttë përdutë.“Tutto quello che fai per generi e nipoti è tutto perduto.”
Non aspettarti riconoscenza dai generi e dai nipoti.
  • Tagliëmë e mënuzzmë ma menëmë indë i miei.“Tagliami e fammi a pezzettini ma restituisci i pezzi ai miei cari.”
Fai quello che credi di me, fammi anche a pezzettini ma restituisci i pezzi ai miei cari che li raccoglieranno.
  • Quannë indë a na casë candënë doi uaddë nu fa mai giornë.“Quando in casa cantano due galli non fa mai giorno.”
  • Va addù patutë e no da u sapudë.“Vai da chi ha patito e non da chi ha solo studiato.”
Rivolgiti a chi ha esperienza e non a chi conosce solo accademicamente il caso.
  • Quannë atë nun hai cu migliertë te colëchë.“Quando altro non hai con con tua moglie ti corichi.”
Accontentati.
  • U bonë u cid u tronë, u tristë l'aiutë Cristë.
“Il buono è ucciso dal tuono, il tristo è aiutato da Cristo.” Il buono spesso muore improvvisamente mentre il cattivo sembra che         venga sempre aiutato da Cristo.
·  I ciuccë s'asciarrenë  e i barrottë  vannë  pë  sottë.“Gli asini litigano e i barili hanno la peggio.”
·  Primë  u dentë  e po' i parentë.Prima a se stesso (il dente) e dopo ai parenti.
·  Iescë  da  quattë  dentë  e u sannë  quattëcentë .“La notizia esce da quattro denti e già lo sanno in quattrocento.”
·  A mieglia parola è queddë  ca nu iescë.“La migliore parola è quella che non si pronuncia.”
·  Cu u tempë  e cu a paglia maturënë  i nespëlë.“Con il tempo e con la paglia maturano le nespole.”
·  I cosë  ca nun së  fannë  nun  së   sënnë.“Le cose che non si fanno non si sanno.”
·  Fattë  a numenatë  e vennë  u vinë  acitë .“Si è fatto un buon nome e vende il vino aceto.”
·  Respettë  u canë  pu padrò.“Rispetta il cane per il padrone.”
·   A botta chiena e a migliera mbriachë.“La botte piena e la moglie ubriaca.”
Quando si vuole tutto
.·   Na botta o cerchië  e na botta o tumbagnë.“Un colpo al cerchio ed uno al fondo.”
Bisogna essere misurati e dalle ampie vedute.
·   Chi mbresta perdë a testa.“Chi presta qualcosa perde la testa.”
E' difficile riavere quello che si è concesso in prestito.
·   Chi sparagnë  fa malë  uadagnë .“Chi risparmia fa un cattivo guadagno.”
E' sbagliato cercare il risparmio su ogni cosa. A volte pagare di più significa acquistare un prodotto qualitativamente più valido.
·   Si era bonë  u mbrestë se mbrestavenë  i miglierë .“Se il prestito fosse stata una buona pratica si sarebbero prestate le mogli.”
·   A credenzë  se paa na vota e menz.“Comprare a credito significa pagare una volta e mezza.”
Chi compra a credito non può discutere il prezzo e paga gli interessi.
 
Di Vincenzo Ferretti
 

"PATRIMONIO CULTURALE IMMATERIALE"

PROGETTO: “Porte Aperte”... alle tradizioni lucane

Questo sodalizio al fine di consolidare il dialogo con le Istituzioni e le varie agenzie educative presenti sul territorio, dallo scorso anno (2008) ha avviato la realizzazione del seguente progetto: “BENI CULTURALI IMMATERIALI” in partenariato con l'Istituto Comprensivo di Pignola e attraverso la sottoscrizione di un Protocollo d' Intesa con il Comune di Pignola e con la Comunità Montana “ALTO BASENTO” al fine di esercitare una forte azione di recupero, di ricerca, di catalogazione e archiviazione e valorizzazione volta a promuovere e a consolidare la conoscenza del ricco e variegato patrimonio culturale immateriale.

Il Progetto, inserito nel POF (Piano dell'Offerta Formativa) da parte dell' Istituto Comprensivo di Pignola è volto altresì a coinvolgere i cittadini della comunità locale e dei paesi contermini. Nella prima fase di realizzazione del Progetto gli alunni dell'Istituto Comprensivo di Pignola attraverso interviste agli anziani e mediante una pluralità di linguaggi espressivi: disegni, poesie, canti, balli e stornelli, hanno realizzato una ricca serie di materiali illustrativi riguardanti la gastronomia locale e regionale, hanno altresì, trascritto e rappresentato attraverso illustrazioni le “ninna nanne” di un tempo lontano, dopo averle ascoltate per via orale dalle nonne.

sos3 Le tematiche scelte dagli alunni e in corso di realizzazione riguardano soprattutto le tradizioni della vita: la nascita, il battesimo, il fidanzamento, il matrimonio, i riti propiziatori e i pregiudizi radicati e tramandati oralmente di generazione in generazione, riguardano altresì i proverbi, i detti popolari, i canti a dispetto, l'artigianato locale e i giochi e giocattoli del tempo passato.

itenfrdeptrues
© 2018 Circolo Culturale "Il Portale" - Pignola